Sei in: Accueil » Premi Letterari » Il vincitore del Premio Campiello 2012: Carmine Abate

Il vincitore del Premio Campiello 2012: Carmine Abate

Campiello2012_finalisti_carmine_abateSabato 1 settembre alle ore 23.30 è andata in onda su Raiuno  la premiazione della 50esima edizione del Premio Campiello.

La serata, presentata da Bruno Vespa con un’elegante Anna Valle al suo fianco, ha da subito emozionato il pubblico in sala e i telespettatori che davanti alla tv attendevano di conoscere il vincitore 2012.
Con la presenza di Gigliola Cinquetti, la serata non è stata appesantita dalla suspense dell’attesa e dopo una cinquantina di schede scrutinate si è stilata la classifica provvisoria dei cinque finalisti.

In ultima posizione dall’inizio dello spoglio fino alle 273 schede votanti è risultato “Tutti i colori del mondo” di Giovanni Montanaro seguito da “Il senso dell’elefante” di Giovanni Missiroli.
Già da metà scrutinio la classifica è diventata stabile e si è capito che una rimonta del terzo e del secondo finalista sarebbe stata improbabile. Dopo le cinquanta schede, infatti, Carmine Abate con “La collina del vento” si è posizionato al primo posto con ben 45 voti, dando un distacco importante a “Più alto del mare” di Francesca Melandri e a “Nel tempo di mezzo” di Marcello Fois.

Il vincitore Abate, emozionato e felice, non ha dimenticato di ringraziare e coinvolgere gli altri finalisti con cui ha condiviso un’esperienza indimenticabile.
Durante la serata a Dacia Maraini è stato dato il campiello alla carriera. La famosa scrittrice ha parlato di letteratura come di un qualcosa capace di raccontare storie di vita in un periodo non facile per il nostro paese;  come di un qualcosa che non è capace di cambiare il mondo ma che con la sua impronta indelebile definisce chi siamo, cosa facciamo e dove andiamo.
La ventenne Martina Evangelisti ha vinto invece il Premio Campiello Giovani con il racconto “Forbici”. Studia lettere moderne e oltre a scrivere vorrebbe fare l’insegnante, pur sapendo quanto la strada sia difficile.

Una bellissima serata che invita alla lettura dei cinque romanzi e che ricorda quanto sia indispensabile, nella vita di ogni persona, la letteratura.

1. Carmine Abate, La collina del vento, 98 voti 
2. Francesca Melandri, Più alto del mare, 58 voti
3. Marcello Fois, Nel tempo di mezzo, 49 voti
4. Marco Missiroli, Il senso dell’elefante,
5. Giovanni Montanaro, Tutti i colori del mondo

Puoi leggere anche: I cinque finalisti della 50° edizione

 

@RIPRODUZIONE RISERVATA




VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Autore

laureata in comunicazione e pubbliche amministrazioni è copywriter freelance, web writer e blogger compulsiva. La trovi sul suo sito professionale Copywriter4you e su Sono una mamma, un diario virtuale sulla gravidanza e la maternità. L'amore per i libri ha fatto nascere Leggeremania.

Numero di articoli : 89

Commenti (2)

  • Redazione

    Anche a me è piaciuto il ruolo di Gigliola Cinquetti. Fresca ed elegante, molto spigliata nelle sue pose e mentre ha cantato in francese, ieri ha dimostrato di essere un’artista degna di questo nome. [Giuseppe]

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  • rosario

    GIGLIOLA CINQUETTI E’ STATA GRANDE, HA FATTO SI CHE LA SERATA FOSSE PIU’ MOVIMENTATA, IL SUO FASCINO LA SUA ELEGANZA LA SUA CLASSE E LA SUA BRAVURA, DANNO SEMPRE PIU LUCE AGLI SPETTACOLI TELEVISIVI NONOSTANTE SIANO PASSATI cinquant’anni DAL SUO ESORDIO. GRAZIE GIGLIOLA ,

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Copyright © 2017 Leggeremania - Tutti i diritti riservati. P.I. 01889710891

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi

Torna su