Sei in: Accueil » Libri » Il veleno dell’oleandro di Simonetta Agnello Hornby

Il veleno dell’oleandro di Simonetta Agnello Hornby

Il veleno dell’oleandro di Simonetta Agnello-Hornby: la controversa storia della famiglia Carpinteri di Pedrara, nella Sicilia dei monti Iblei: segreti, bugie e intrighi.

Il-veleno-dell-oleandro-Simonetta-Agnello-Hornby-copertina-libro.jpgSiamo a Pedrara, un paese fittizio nella Sicilia dei monti Iblei. Inizia tutto con un doppio funerale, quello di Anna Carpinteri e Bede Lo Mondo, morti contemporaneamente, che vengono cremati perchè le loro ceneri si uniscano per sempre.

A narrarci la storia de Il veleno dell’oleandro sono due voci: quella di Mara, nipote di Anna, e quella dello stesso Bede, a momenti eterea creatura che ha valicato il confine tra la vita e la morte, a momenti persona in carne ed ossa qualche giorno prima della fine. Attraverso i racconti dei due personaggi noi lettori siamo in grado di ricostruire una storia familiare fuori dal comune e piena di intrighi e misteri.
Tommaso Carpinteri, figlio di nonna Mara, aveva sposato Mariangela che dopo avergli dato due figlie, Mara e Giulia, era morta inciampando e sbattendo la testa per terra. L’uomo, per convenienza, aveva deciso di risposarsi con la sorella della moglie, Anna, che gli aveva dato un figlio maschio, Luigi.
Mara, Giulia e Luigi, allo stesso tempo cugini e fratellastri, sono quelli che per tutto il romanzo cercano di capire quale sia la reale eredità della famiglia Carpinteri, alle prese con Anna, costretta a prendere strane medicine che le fanno perdere la lucidità, e la figura enigmatica di Bede, che sembra allo stesso tempo ordire qualcosa contro di loro e difenderli da qualcosa di più oscuro.

Ed è proprio Bede il personaggio più misterioso di tutta la vicenda. Uomo ambiguo che si comporta da padrone in una casa che non è sua e che viene continuamente sostenuto e richiesto da Anna. Bede è venuto a contatto con i Carpinteri quando Tommaso, molti anni prima, lo aveva preso sotto la sua ala protettiva, lo aveva fatto studiare e ne aveva fatto perfino il suo amante. Ma il suo vero amore era Anna, tanto che moriranno nello stesso momento. Mara invece è la figlia più grande di Tommaso e Mariangela, figliastra di Anna, che comunque chiamerà zia. E’ quella che cerca di fare sempre da mediatrice tra gli altri membri della famiglia e la gente del posto: Luigi, che cerca di controllare ciò che sembra sempre sfuggire; Giulia, che vuole andarsene da Pedrara insieme al suo compagno Pasquale, uomo violento dal passato cupo; il dottore, il sindaco e la famiglia Lo Mondo. Mara è proprio quella che decide di mettersi a cercare negli armadi e in tutte le feritoie, scoprendo passaggi segreti e botole che la aiuteranno a venire a conoscenza di molti dei misteri nascosti in quella casa.

Sicuramente Il veleno dell’oleandro non è una delle opere migliori della Agnello-Hornby, anzi un po’ delude. Si ha continuamente la sensazione di arrivare a qualcosa che poi non viene raggiunto, di trovare un filo sottile che leghi tutti i temi, ma che alla fine non si palesa. E a proposito dei temi, forse quelli inseriti nella storia sono troppi, tanto che, nonostante i tentativi di una scrittrice esperta come lei, restano comunque sconnessi. Si parla di omosessualità, bisessualità, anoressia, violenza sulle donne, pedofilia (se l’adescamento di Thomas, figlio di Luigi, da parte di Bede si può considerare pedofilia), mafia, criminalità, droga, pratiche sadomaso, sfruttamento degli immigrati e chi più ne ha più ne metta. Senza dubbio troppo per una sola storia e una sola famiglia che ha già, di per sè, tanti altri problemi.

VOTO: 6

SCHEDA LIBRO:

AUTORE: Simonetta Agnello Hornby
TITOLO: Il veleno dell’oleandro
EDITORE: Feltrinelli – I Narratori
PAGINE: 217
EURO: 17,00
ISBN: 978-8807019418
Formato Kindle:Il veleno dell’oleandro (I narratori)

NOTA SULL’AUTRICE:

Simonetta-Agnello-HornbySimonetta Agnello-Hornby è nata a Palermo e dal 1972 vive a Londra, dove ha svolto la professione di avvocato. Con la Feltrinelli ha pubblicato La Mennulara (2002), La zia marchesa (2004), Boccamurata (2007), Vento scomposto (2009), La monaca (2010). Tra gli altri romanzi ricordiamo anche Camera oscura (Skira 2010) e  Un filo d’olio (Sellerio 2011).

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA




VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 4.8/5 (4 votes cast)

Il veleno dell’oleandro di Simonetta Agnello Hornby, 4.8 out of 5 based on 4 ratings

Autore

laureata in lingue e culture moderne e studentessa in lingue e letterature moderne dell'occidente e dell'oriente. Siciliana, amante della sua terra e dei libri, coltiva anche altre passioni come danza e sport. Generalmente predilige i grandi classici, soprattutto italiani e inglesi, ma ama spaziare in tutti i campi della letteratura senza precludersi nulla.

Numero di articoli : 41

Lascia un commento

Copyright © 2016 Leggeremania - Tutti i diritti riservati. P.I. 01889710891

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi

Torna su