Sei in: Accueil » Libri » Nessuna certezza di Paolo Mura

Nessuna certezza di Paolo Mura

Nessuna certezza di Paolo Mura: alla sua seconda prova narrativa dopo Nudo a metà edito dalla stessa casa editrice Voltalacarta, l’autore convince … senza alcuna incertezza.

Vi proponiamo la recensione di Nessuna certezza secondo l’opinione personale di due nostre collaboratrici che hanno letto il romanzo insieme: Domizia Moramarco ed Eleonora Usai.

L’analisi di Domizia

nessuna-certezza-paolo-mura-copertina-libro“Chi è veramente Laura”? si chiede suo padre arrivato a un punto morto della sua indagine personale nella ricerca della verità sulla sorte capitata a un gruppo di ragazzi coinvolti nell’incidente stradale in cui alcuni non ce l’hanno fatta e l’unica e essersi salvata è proprio sua figlia.

Dario Conte, protagonista dell’avvincente giallo ambientato nell’isola sarda dal titolo Nessuna certezza, cerca risposte a un tragico evento che colpisce la sua vita familiare ordinaria e tranquilla come un fulmine a ciel sereno. In una mattina d’estate, sotto i suoi occhi di padre impotente, sua figlia diciassettenne esce di casa in compagnia dell’amica Chiara per recarsi in spiaggia. Da lontano osserva le due ragazze salire a bordo di un grosso Suv di cui non conosce il proprietario, né al momento ne verifica l’ identità.

La notizia del ritrovamento del Suv finito fuoristrada fra le vie tortuose di una località distante da quella in cui la famiglia è solita trascorrere le vacanze estive, farà sobbalzare il cuore delle famiglie delle ragazze. Chiara e un certo Federico Casaneri non ce l’hanno fatta, Laura è in ospedale a lottare contro la morte.

Un portachiavi giunto fortuitamente fra le sue mani, la misteriosa telefonata di uno sconosciuto che presenta la sua versione dei fatti come testimone oculare dell’accaduto, sono i pochi indizi a disposizione di Dario Conte che intraprende in sordina una ricerca che lo porterà a scavare nella vita segreta di un gruppo di adolescenti.

Per suo padre, Laura era sempre la sua bambina dai grandi occhi scuri e la carnagione bianchissima con sprazzi di lentiggini sul viso, che a scuola sin dalle elementari meritava sempre ottimi voti ed era animata da una grande voglia di conoscere il mondo e la gente.

Incertezze e ambiguità dell’accaduto spingono allora il protagonista, dapprima a incolparsi dell’accaduto “mi rimane il dubbio di non aver fatto tutto il possibile. Di non aver fatto tutto quello che un buon genitore avrebbe dovuto fare”, in seguito a intraprendere la via della verità che si rivelerà complessa e ingannevole.

Quando i pezzi del puzzle sembrano finalmente congiungersi fra loro, ecco che compaiono piccoli dettagli a rimettere tutto in discussione.

In un susseguirsi di ipotesi e incertezze, la vicenda si snoda attraverso un ritmo incalzante che tiene il lettore con il fiato sospeso sino a un sorprendente finale . Lo stile della narrazione è limpido e scorrevole, gli eventi vengono analizzati con precisione e metodo investigativo.

Sin dalle prime pagine la trama si arricchisce di personaggi sempre nuovi, alcuni decisivi ai fini dell’indagine, altri, complementari alla vicenda, condiscono la narrazione con un pizzico di analisi psicologica e talvolta gradita ironia. E’ il caso di Ettore, vicario e fratello di Dario; di Margherita, sua moglie, donna forte e indipendente che affronta con dignità e tenacia la sofferenza di madre a cui è sottoposta; Giorgio Piras, suo compagno di scuola, atletico ispettore di polizia dal portamento elegante nella città di Milano.

I luoghi della narrazione si alternano fra la città di Sassari e la località di mare Stintino, con un piccolo salto nel capoluogo lombardo della finanza, dipinto come un luogo ostile ai ritmi della vita di provincia, una meta di passaggio per il protagonista che prova una punta di disagio in quel posto tanto vagheggiato in età giovanile.

Divertenti infine i frequenti scambi di battute fra il razionale Dario e il suo serafico ma determinato fratello, uomo di Chiesa, una sorta di rimando all’antica diatriba fra umana ragione e celestiale sentimento.

Alla sua seconda prova narrativa dopo “Nudo a metà” edito dalla stessa casa editrice Voltalacarta, l’autore convince … senza alcuna incertezza.

Il pensiero di Eleonora

Ho preso in mano il nuovo romanzo di Paolo Mura con un po’ di scetticismo, vittima del pensiero non troppo positivo del suo primo lavoro Nudo a metà. Il romanzo non mi aveva lasciato molto e per questo motivo la mia mente è stata intrappolata in uno stupido pregiudizio.

Ho iniziato a leggere Nessuna certezza e da subito mi sono resa conto dell’errore di partire prevenuta. Mai cadere nella diffidenza senza prima conoscere, scoprire, leggere con i propri occhi. Bisogna sempre concedere le seconde possibilità, quelle che ti fanno ricredere e vivere le emozioni pure.

Paolo Mura ha permesso che mi ricredessi sul suo modo di scrivere e sulla sua capacità di raccontare storie appassionanti e ricche si suspense. Mi ha permesso di conoscere il punto di vista di un padre che crede di conoscere sua figlia per quello che vede tra le mura di casa senza ipotizzare che può scivolare come tutte le persone in debolezze ed errori, in compagnie sbagliate o semplicemente in esperienze che ha voglia di vivere per crescere.

Il personaggio di Diego Conte, a tratti superficiale e immaturo in Nudo a metà, nella nuova veste di padre e marito premuroso in Nessuna certezza acquista credibilità e verve, diventa un personaggio veritiero e reale. Grazie alla sua nuova maturità, mista a quell’ironia già presente nel precedente libro, mi ha tenuto incollata alle pagine per una giornata intera facendomi terminare il romanzo in un giorno e regalandomi le emozioni che le storie familiari riescono sempre a darmi.

Non ho chiuso il libro fin quando non l’ho finito e questa per me è stata la prova dell’interesse verso i personaggi. Ho trovato una bella descrizione della famiglia Conte, con una Laura che rappresenta l’adolescenza e i suoi problemi, una moglie e mamma presente e arguta, un caso da risolvere che all’apparenza può sembrare semplice ma in verità mischia molte versioni.

Promosso Dario Conte (che prima avevo rimandato con riserva) e promosso Paolo Mura, di cui mi aspetto uno scacco matto per il suo terzo romanzo.

VOTO DOMIZIA: 6.5
VOTO ELEONORA: 7

SCHEDA LIBRO:

AUTORE: Paolo Mura
TITOLO: Nessuna certezza
EDITORE: Voltalacarta Editrici
PAGINE: 174
EURO: 14,00
ISBN: 9788897612056

Puoi ordinare una copia del libro Nessuna certezza  scrivendo a leggeremania@gmail.com oppure compilando il form Contatti.

 

NOTA SULL’AUTORE:

Paolo-Mura-scrittorePaolo Mura nasce a Osilo (SS) nel 1963. Sposato con una figlia fa il chimico  presso la Pubblica Amministrazione. Il suo esordio letterario è nel 2011 con il romanzo Nudo a metà, sempre edito da Voltalacarta Editrice. Nessuna certezza è il suo secondo romanzo.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA




VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (2 votes cast)

Nessuna certezza di Paolo Mura, 5.0 out of 5 based on 2 ratings

Autore

Numero di articoli : 16

Lascia un commento

Copyright © 2017 Leggeremania - Tutti i diritti riservati. P.I. 01889710891

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi

Torna su