Sei in: Accueil » Libri » In fuga di Dalia Verdello

In fuga di Dalia Verdello

In Fuga di Dalia Verdello: edito da SEM Edizioni nella collana Short List è il vincitore del concorso #SEMantica22.

in-fuga-daria-verdello-copertina-libro

Se dico “fantascienza” una delle prime immagini che vi si affacciano alla mente è probabilmente quella di navicelle spaziali e viaggi tra le stelle.

Nella storia raccontata da In fuga di Dalia Verdello in effetti una navicella c’è e naviga proprio tra le stelle. Al suo interno, l’unico ospite è il detenuto AX-792-K15, Timothy Mandler, condannato per furto con scasso, rapimento a scopo di estorsione, omicidio preterintenzionale. Movente: l’amore. Già, non è forse per amore che le persone compiono le azioni più folli? E non è forse folle pensare di poter rapire il figlio del sindaco per chiedere un riscatto – non molto, solo lo stretto indispensabile per rifarsi una vita lontano dai casini e dagli amici balordi insieme a lei, Mallory – e pensare di poterla fare franca? Eppure, una tenue speranza c’era.

Qualcosa però è andato storto e ora lui si ritrova circondato dal freddo vuoto dello spazio, unica compagnia: una voce atona che recita parole di saggi del passato perché lo aiutino a riflettere, a capire, a cambiare.

 

Un relè scattò da qualche parte, poi un altro e un altro ancora. La voce computerizzata, priva di qualsiasi tono, iniziò a scandire le parole.
Ha scritto Esiodo: “L’uomo migliore è colui che tutto capisce da sé, sapendo ciò che in seguito meglio sarà. Ma chi non sa capire da sé né ciò che sente da altri, quello è un uomo da poco”.
Una pausa, poi la voce proseguì, facendo riverberare fra le pareti altre parole immortali. Whitman, Platone, Yeats, Cesare, Plutarco e Cicerone, e poi ancora Sartre, Kant e Socrate: erano tutti lì attorno a lui, e gli parlavano, annullando distanze e tempi. Le sue orecchie erano antenne in grado di ricevere gli echi di quel passato. L’uomo si mosse un poco, sdraiato nella vasta pancia di metallo della navetta, aguzzando la vista per distinguere i contorni degli oggetti nella penombra.
Non poteva allontanarsi dal suo giaciglio: se avesse tentato di alzarsi, pesanti barre di ferro sarebbero scese a bloccargli il respiro e i movimenti. Poteva solo restare sdraiato, e ascoltare.
Era la sua punizione, la sua condanna, l’unica vita possibile.
Gli avevano dato vent’anni: vent’anni di parole pronunciate da un computer, mentre fuori era circondato dal silenzio glaciale dello spazio. Programma Riabilitativo Siderale: la grande trovata del Governo in tempi di carceri sovraffollate.

Trascorsi i vent’anni, sarà un uomo redento e la navicella lo ricondurrà sulla Terra dove potrà godersi la vita da uomo finalmente libero. O almeno questa è l’idea…

A grandi linee questa è l’avvincente trama di In fuga, edito da SE M Edizioni nella collana Short List, che accoglie i racconti dei dieci vincitori del concorso #SEMantica22: conclusosi all’inizio del 2014, ha visto il romanzo breve di Dalia Verdello trionfare con un meritato primo posto.

La storia di Timothy, personaggio a tutto tondo nonostante il poco spazio a disposizione (i racconti in gara non potevano superare le 50.000 battute), viene svelata a poco a poco tramite le sue riflessioni incalzate da citazioni di Esiodo, Hesse, Camus, Lichtenberg… Riflette Timothy e nel frattempo comprende, cresce, matura, le sue considerazioni spaziano nei vari campi della vita e il lettore, con un occhio alla trama e uno alla propria esistenza, non può fare a meno di chiedersi cosa quelle frasi pronunciate o scritte tanti anni o secoli prima possono insegnare alla propria vita, ai propri errori.

In fuga è dunque un romanzo che si legge in un fiato non tanto per la sua brevità quanto perché… be’, leggetelo e lo saprete.

 VOTO: 8

SCHEDA LIBRO:

AUTORE: Dalia Verdello
TITOLO: In fuga
EDITORE: SEM Edizioni
PAGINE: 25
EURO: 0,99
ISBN: 978-8897093374
FORMATI: ePub, Mobi
Formato Kindle: In fuga: 1 (Short list)

NOTA SULL’AUTRICE:

Dalia Verdello, cresciuta tra pirati e draghi, amante dell’avventura, ha lavorato per anni in una libreria. Oggi lavora in una mensa delle elementari. In fuga è il suo primo e-book ma non il suo primo racconto.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA




VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 4.5/5 (2 votes cast)

In fuga di Dalia Verdello, 4.5 out of 5 based on 2 ratings

Autore

laureata in Lettere, è lettrice a tempo pieno ed editor freelance a tempo perso. Istintivamente portata a prediligere libri voluminosi e polverosi, ha eletto come suoi preferiti due romanzi snelli e piuttosto recenti. Sostiene, del resto, che la passione per la lettura non conosce incoerenze.

Numero di articoli : 7

Lascia un commento

Copyright © 2016 Leggeremania - Tutti i diritti riservati. P.I. 01889710891

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi

Torna su