Sei in: Accueil » Libri » Dracula di Bram Stoker

Dracula di Bram Stoker

Dracula è uno dei testi fondamentali non solo per la cultura gotica ma per l’intera storia della letteratura.

dracula-copertina

Al giorno d’oggi si può davvero pretendere di aggiungere qualcosa di nuovo e di vagamente originale su uno dei romanzi più famosi della storia della letteratura? Impossibile, potremmo dire senza indugio.

Stiamo parlando infatti di uno dei testi fondamentali non solo per la cultura gotica ma per l’intera storia della letteratura, un romanzo pubblicato più di un secolo fa ma che continua a vivere grazie al legame stretto con altre forme d’arte, come il cinema e il teatro.

Il romanzo in questione è ovviamente Dracula, pubblicato nel 1897 e scritto da Bram Stoker.

Secondo la “leggenda”, sembra che l’autore irlandese abbia avuto l’ispirazione dopo un incubo notturno in cui tre donne spettrali e dai lunghi canini affilati si avvicinavano, con fare suadente e allo stesso tempo minaccioso, verso la gola del povero Bram. A fermare queste tre creature sensuali ma al tempo stesso terribile era un personaggio molto particolare, un anziano uomo in grado di emanare un grande carisma e un cieco sentimento di terrore.

Partendo da questo sogno, e sviluppando poi alcune figure storiche come il tiranno Vlad Tepes, l’autore nativo di un quartiere situato nella parte nord di Dublino è riuscito a creare una storia che tutti noi conosciamo. Al di là di quella che può essere la trama, che ormai tutti conosciamo bene grazie soprattutto agli innumerevoli film dedicati, è la creazione di un personaggio divenuto icona popolare a far ascrivere il nome di Bram Stoker nel panteon dei più grandi autori di sempre.

Il conte Dracula è la rappresentazione stessa delle paure e anche dei desideri umani, un vero e proprio moto di ribellione che l’autore ha strutturato partendo da una frustrazione personale (dovuta a un matrimonio freddo impostato sulla rigida morale vittoriana) che viene rasa al suolo da un simbolo, un archetipo, da un concetto di ribellione sintetizzato da un unico personaggio.

Dracula non è solo il sanguinario vampiro che dimora nel tetro castello in Transilvania. No, Dracula è molto di più: come accennato in precedenza egli è un simbolo, una manifestazione fantasiosa di un uomo alla costante ricerca di una rottura (se non reale, quantomeno culturale) verso una morale soffocante tipica del puritanesimo britannico.

La pulsione vitale dell’essere umano che si libera in tutta la sua distruttività, una forza della natura che va oltre le leggi della fisica e che non desidera altro che soddisfare i propri bisogni e impulsi corporei.

Un moto di ribellione, abbiamo detto, ma non solo: Dracula è anche un vero e proprio manifesto politico, una critica feroce posta da Stoker nei confronti dell’Inghilterra Vittoriana terrorizzata e messa in difficoltà dall’arrivo di un pericoloso straniero, un individuo dotato di poteri sconfinati e che non riconosce nessun ordine superiore, alla costante ricerca di quella linfa vitale (il sangue) che possa soddisfare la propria irresistibile sete… proprio come irresistibile è la sete di vita e di soddisfacimento delle pulsioni degli esseri umani, che ancora oggi sono costretti a vivere mettendo le catene alla belva che dimora in ognuno di noi. Un controllo necessario all’esistenza stessa della civiltà occidentale, realtà fragile (ancora oggi a più di cento anni di distanza dalla pubblicazione del romanzo) che necessita la rinuncia di ogni individuo della propria natura per poter continuare ad esistere. Un controllo, quello della società, che viene messo in atto grazie a una serie di leggi e di precetti etici che limitano l’uomo.

Dracula è il punto di rottura con le costrizioni della società, è il demone che si ribella, è l’angelo caduto che rompe le catene con la tradizione ma che proprio per questo mette a rischio le fondamenta stesse della società.

A cosa possa portare questa ribellione è scontato: la rovina, la distruzione, sorte toccata comunque al vampiro protagonista di questa storia che alla fine deve soccombere all’azione degli eroi Van HelsingJonathan Harker e soci, promotori di quei sani valori della società Vittoriana che trovano quindi il modo di frenare la furia del conte sanguinario. Quasi come se Stoker stesso volesse suggerisci che la ribellione insita in molti di noi altro non è che una ricerca dell’impossibile, una soddisfazione di se stessi che porterebbe alla distruzione della società in quanto tale.

In tal senso, potremmo dire che Dracula è il simbolo di un’utopia.

Questo articolo non è proprio una recensione ma più una riflessione su un romanzo che ancora oggi non smette di affascinare milioni di lettori in tutto il mondo.

Romanzo epistolare in cui la storia viene raccontata dai protagonisti stessi tra diari personali e lettere… la storia di Jonathan Harker che si reca in Transilvania per concludere un affare immobiliare con il conte Dracula, la scoperta della natura demoniaca del conte, l’arrivo del vampiro in Inghilterra (sublime la parte in cui il non-morto arriva sul suolo inglese a bordo della nave Demeter), la trasformazione di Lucy e il rapporto ambiguo tra Dracula e Mina… c’è davvero bisogno di raccontare la storia raccontata in questo romanzo?

Per approfondire l’argomento potete dare un’occhiata a questa interessante recensione.

VOTO: 10

SCHEDA LIBRO:

AUTORE: Bram Stoker
TITOLO: Dracula
EDITORE: Mondadori
PAGINE: 518
EURO: 10
ISBN: 9788804639701

©RIPRODUZIONE RISERVATA




VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (2 votes cast)

Dracula di Bram Stoker, 5.0 out of 5 based on 2 ratings

Autore

Blogger freelance, laureato in Filosofia e autore di un romanzo e di un paio di raccolte di racconti, si occupa del blog del Provider Keliweb. Scrive recensioni di cinema e letteratura sul sito cinefocus.it, e prossimamente lancerà sul web il suo blog personale bloggerfreelance.it.

Numero di articoli : 8

Lascia un commento

Copyright © 2016 Leggeremania - Tutti i diritti riservati. P.I. 01889710891

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi

Torna su