Sei in: Accueil » Libri » Diario per mio figlio di Silvestra Sorbera

Diario per mio figlio di Silvestra Sorbera

Diario per mio figlio di Silvestra Sorbera: una storia che mette a nudo una realtà dolorosa, tutt’oggi nascosta da molte donne, quella della procreazione assistita.

Diario per mio figlio-copertina

Ancora una volta la casa editrice Lazy Book si rivela particolarmente attenta al tema della maternità e lo fa con il romanzo di Silvestra Sorbera, Diario per mio figlio.

Una piccola premessa …

Nascere per procreare per una donna può sembrare un atto naturale, un emblema forgiato sin dalle origini dei tempi. E se proprio indietro si vuole andare, non bisogna dimenticare che la frase più fatale, più dannosa, resta ancora quella della condanna biblica “partorirai con dolore”. Ebbene, proviamo a fare ancora un ulteriore passo indietro e a riformulare così la frase inquisita: “Concepirai con dolore”. Sì, perché c’è una parte dell’universo femminile che affronta con fatica e sofferenza la fase della fecondazione, che deve fare i conti con sentenze mediche e pregiudizi morali prima di potersi sentire madre, se le circostanze si rivelano fortuite. Parliamo di donne che ancora oggi preferiscono nascondersi invece di confessare la loro “menomazione”, che non si sentono libere di poter esprimere la loro decisione di tentare altre strade prima che un embrione si impianti nel loro utero, un cammino difficile, che infligge al loro organismo non pochi supplizi. Eppure, nonostante le pene represse, i timori di essere additate come madri contronatura e le innumerevoli sofferenze fisiche cui vengono sottoposte, il desiderio di diventare genitrici è talmente forte da infondere un coraggio tale che spesso nessuna immagina ancora di possedere.
Silvestra Sorbera, giornalista torinese, già autrice di altre pubblicazioni, sia cartacee che digitali, appartiene a questo esercito di donne Estia-guerriere, che combattono per preservare il loro primigenio istinto della maternità. A cuore aperto, con una sincerità schietta e senza filtri, la Sorbera si racconta nel suo nuovo ebook edito da Lazy Book, dal titolo Diario per mio figlio.

Diario per mio figlio: un accenno alla trama

Le pagine raccontano di un amore solido e leale, quello fra Eleonora e Riccardo, che dopo anni di convivenza decidono si suggellare la loro unione per mettere su famiglia, optando, come la maggior parte delle coppie italiane, per il rito cattolico. I loro sguardi si incontrano felici e convinti al momento della fatidica frase: “siete disposti ad accogliere con amore i figli che Dio vorrà donarvi”.

Ma quello che può apparire un passo d’obbligo e del tutto ordinario, si rivela un momento davvero drammatico. Dopo mesi di tentativi senza esito, i coniugi capiscono che qualcosa non va e si rivolgono a un centro torinese di infertilità, dove intraprenderanno un percorso di fecondazione assistita.

Dubbi, interrogativi, pregiudizi, sono gli scogli contro cui i protagonisti dovranno scontrarsi durante il loro viaggio prima di approdare alla serenità.

“Hai mai pensato che il tuo possa essere un desiderio egoistico?” viene chiesto a un certo punto a Eleonora, che con determinazione risponde: “Mettere al mondo dei figli è sempre un desiderio egoistico. Non sono loro a scegliere di nascere. Noi non lo abbiamo deciso, lo hanno fatto per noi i nostri genitori. Ci hanno voluto e ci hanno messo al mondo”. E ancora: “Forse si stavano accanendo, forse stavano andando contro natura, eppure non riusciva a capire perché gli altri guardassero alla PMA quasi come a un atto criminoso”.

Eleonora si dimostra caparbia e tenace, celando dietro una compita razionalità le sue paure più grandi. Circondata da amiche comprensive, Stefania affabile e generosa e Micol dallo spirito pratico e razionale, sue colleghe di redazione, da Sara, la sua migliore amica, nonché cognata, e da donne che condividono la sua stessa esperienza, conosciute sui forum, riuscirà ad affrontare un arduo calvario fatto di lunghe attese, panico, ma soprattutto di strazi laceranti, come l’interruzione del primo tentativo di impianto.

Dovrà fare i conti con una morale bigotta che fortunatamente non lede le sue aspettative di maternità, ma rafforza la convinzione che la vita è fatta di prove difficili da affrontare prima di raggiungere l’ambito traguardo. Nel suo percorso, la protagonista è affiancata da un compagno comprensivo e attento, consapevole della sua impotenza dinanzi alla profonda sofferenza femminile. Nonostante i timori, le lacrime e le delusioni, il loro rapporto ne esce vittorioso e rafforzato, e infine completato dall’arrivo del tanto atteso figlio, una meta che in realtà si rivela un punto di partenza per coloro che hanno tanto desiderato diventare genitori e che ora si ritrovano a fare i conti con un ruolo tutto da reinventare giorno dopo giorno, così come dichiarano gli autori delle due postfazioni che seguono la storia, ovvero la stessa Sorbera e suo marito.

Perché leggerlo?

La lettura di Diario per mio figlio scorre rapidamente e con semplicità, come può avvedersi il lettore già abituato ai testi dell’autrice, che conferma le sue abilità di una penna lineare da cronaca giornalistica, e raggiunge picchi di tensione poetica nel momento in cui la protagonista si affida alle pagine di un diario per parlare con il suo primo figlio mancato che, sin dall’inizio, con il suo istinto di mamma, ha sentito sbocciare dentro di sé. Non solo commozione, ma anche solidarietà e fiducia pervadono le pagine di Diario per mio figlio, in cui si scopre uno stuolo di donne unite dallo stesso sogno e dallo stesso coraggio.

… aveva capito (…) che le donne infertili, messe insieme, sono una grande forza, perché quando una donna riesce dopo tanto dolore a tenere tra le braccia il proprio bambino è una vittoria per tutte, significa che c’è speranza”.

 

SCHEDA LIBRO:

TITOLO: Diario per mio figlio
AUTORE: Silvestra Sorbera
EDITORE: Lazy Book
PAGINE: Formato Kindle 3675 KB
EURO: 1,99
ISBN: 978898833412

NOTE SULL’AUTRICE:

Silvestra Sorbera, classe 1983, di origine siciliana, è giornalista pubblicista laureata in Scienze della Comunicazione. Vive a Torino e scrive per la rivista online L’Indro e Avrei qualcosa da dire. Con Lazy Book ha pubblicato anche il romanzo I fiori rubati – La seconda indagine del commissario LiviaVita da sfollati, il racconto Sicilia e La guerra di Piera.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (3 votes cast)

Diario per mio figlio di Silvestra Sorbera, 5.0 out of 5 based on 3 ratings

Autore

Laureata in Filosofia, collabora per una rivista automotive come redattrice freelance. Adora leggere sin dalla tenera età e da sempre crede nel potere terapeutico dei libri. Appassionata di critica letteraria, è anche autrice di recensioni di libri e articoli di approfondimento letterario per alcuni siti e blog.

Numero di articoli : 54

Lascia un commento

Copyright © 2017 Leggeremania - Tutti i diritti riservati. P.I. 01889710891

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi

Torna su