La solitudine e l’amarezza raccontata da Giuseppe Culicchia in Ameni Inganni, romanzo edito da Mondadori

ameni inganni-giuseppe-culicchia-mondadori

Alberto ha 41 anni, non ha un lavoro, vive a casa con la madre e ha due grandi passioni: le navicelle spaziali e le donne che incontra nelle pagine patinate delle riviste che acquista nelle edicole della sua città. Alberto ha alle spalle una carriera da studente modello e una ex fidanzata della quale era follemente innamorato. Ma crescendo tutto cambia. Una volta finite le superiori Alberto diventa un pessimo studente universitario, tanto da falsificare il libretto dei voti, e perde Letizia, perché lei pretende qualcosa di più, qualcosa che Alberto, legato a doppio filo con una madre possessiva, non può darle.

Ad un certo punto la sua vita fa una virata inaspettata: la madre tanto amata muore e lui rimane solo, ad affrontare i problemi economici e a cucinare esclusivamente piatti pronti Quattro salti in padella.  Le uniche cose su cui Alberto può contare sono le navicelle spaziali che colleziona e che costruisce con tanta pazienza e meticolosità e le donne appariscenti e silenziose delle riviste.

E poi c’è Olga. Che non è una donna da copertina patinata, ma è una ragazza che segue su Twitter, della quale conosce tutta la vita proprio grazie al famoso social network. Ma la solitudine è una brutta bestia, e ad Alberto queste due passioni non bastano più. Per cercare compagnia decide quindi di telefonare alle agenzie immobiliari e di prendere appuntamenti che in realtà hanno come unico scopo quello di conoscere donne in carne e ossa.

Un giorno però Alberto incontra Letizia, la sua vecchia fidanzata, e tutto nella sua vita cambia. Butta via le riviste, mette in ordine le navicelle spaziali che nel frattempo hanno invaso la casa e inizia a corteggiare Letizia.

“Vedi Letizia, l’importante nella vita è parlarsi. Capirsi. Tu sei sola, Letizia. Sei molto sola, e hai bisogno di me. Hai bisogno di un uomo che ti ami, e che si prenda cura di te. Un uomo amante degli animali e dei viaggi (non in tenda), serio ma scanzonato, deciso ma sensibile, equilibrato ma avventuroso, affidabile ma estroso, creativo ma concreto, sognatore ma pragmatico, estroverso ma riflessivo, quadrato ma imprevedibile, semplice ma carismatico, atletico ma ironico, dolce ma un po’ bastardo”.

Riuscirà Alberto a incarnare l’uomo perfetto per Letizia?

Vi invito a scoprirlo tra le pagine di Ameni inganni, un libro crudo e reale, che ben descrive le ossessioni umane di questa epoca caratterizzata dalla globalizzazione e dalla realtà virtuale.

SCHEDA LIBRO:

AUTORE: Giuseppe Culicchia
TITOLO: Ameni inganni
EDITORE: Mondadori – 2011
PAGINE: 211
ISBN: 978-88-04-60663-5

Shares

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi * sono obbligatori

Shares