Strano giovedì grasso, questo del 2013. Fuori nevica, fa freddo, e nonostante io sia nella patria del carnevale sardo, Tempio Pausania, la voglia di uscire a vedere le maschere danzanti è veramente poca. Allora complice la neve, una tazza di cioccolata calda e una stufa, inizio a leggere Tutti giù per terra di Giuseppe Culicchia, il suo esordio letterario.

giuseppe_culicchia_tutti giù per terra

Il libro cattura immediatamente tutta la mia attenzione, grazie ad una scrittura asciutta e diretta, ironica e simpatica. Il protagonista si chiama Walter, ha vent’anni. Vive con un padre che non fa altro che guardare “Telemike” e accusare Walter di essere un nullafacente.

“Dovresti iniziare a costruirti una carriera!“, questa è la sua frase ricorrente. Mentre la madre condisce l’insalata. O scola la pasta. Walter decide quindi di dare una svolta: nel momento in cui arriva il momento di fare il militare preferisce fare domanda per il servizio civile. Almeno potrà guadagnare qualche soldo. Mentre aspetta “la chiamata” si iscrive alla Facoltà di Filosofia, non solo per assecondare la sua grande passione per i libri e per il pensiero ma anche e soprattutto per evitare l’ambiente in “giacca e cravatta”.

Quando arriva “la chiamata”, Walter decide di fare il servizio civile presso il CANE ossia il Centro Accoglienza Nomadi ed Extracomunitari e inizierà per lui un lungo periodo caratterizzato da fotocopie da fare, superiori da sopportare, insegnanti impazziti, assessori in cerca di voti, piccoli zingari, raccomandate con ricevuta di ritorno e raccomandazioni.

Walter è solo, è un post-adolescente come tanti altri, che non riesce a diventare grande, in una Torino che sforna disoccupati o operai della FIAT.

Brevi considerazioni sul libro

Il libro di Culicchia è ambientato negli anni novanta, ma ci descrive un’Italia già in crisi: crisi di valori, rappresentata dai baronetti universitari saccenti e capricciosi e dai ragazzi consumisti e superficiali, e crisi del lavoro, con graduatorie truccate e lavori in nero. Tutto ciò narrato da una penna ironica e tagliente, dinamica e sicura di sè.

Una bella scrittura, quella di Culicchia, che con questo libro d’esordio ha vinto il Premio Montblanc 1993. Lo consiglio vivamente a tutti i giovani in cerca di indentificazione, ma anche agli adulti che almeno una volta nella vita si sono ritrovati ad affrontare una crisi post-adolescenziale.

SCHEDA LIBRO

AUTORE: Giuseppe Culicchia
TITOLO: Tutti giù per terra
EDITORE: Garzanti – 1993
PAGINE: 131
EURO: 8.90
ISBN: 881167825-0

Shares

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi * sono obbligatori

Shares