Emily Dickinson, la poetessa che scelse l’isolamento per ribellarsi al rigore istituzionale nordamericano del XIX secolo.

Emily-Dickinson-poetessa-poesia-stati-uniti

Ricorre oggi, 10 dicembre, l’anniversario della nascita di una delle più emblematiche poetesse che con la sua scelta della solitudine rappresenta un vero e proprio caso letterario. Lontana dal mondo, chiusa nella sua stanza, la giovane Emily Dickinson darà vita a una copiosa produzione di versi che verranno scoperti soltanto alla sua morte.

Nata ad Amherst nel 1830 nel Massachusetts da una famiglia in vista e colta della città, il padre era tesoriere e legale dell’Amherst College, si oppose all’educazione cattolica che veniva insegnata presso il Collegio femminile di Mount Holyoke, manifestando uno spirito ribelle e anticonformista.

Da un punto di vista culturale il periodo storico in cui visse Emily Dickinson fu segnato dalla formazione dell’identità americana in seguito all’indipendenza conquistata dal vecchio continente per la quale ebbero un ruolo determinante lo spirito puritano introspettivo e la filosofia del trascendentalismo, di matrice idealistica tedesca che affermava la superiorità assoluta del sentimento sulle altre facoltà conoscitive, il cui fautore fu R.W. Emerson.L’esaltazione dello spirito nazionalistico portò da una parte al diffondersi di una visione ottimistica per il presente e l’esaltazione della natura intesa come luogo non ancora contaminato dalla civiltà e dall’altra una concezione più pessimistica segnata dalla consapevolezza della lotta fra il bene e il male, di cui furono massimi rappresentanti autori come Melville e Hawthorne. Il tema della solitudine del singolo nelle proprie percezioni per riuscire a cogliere un alto senso della natura è evidente nelle poesie di Emily Dickinson.

La poetessa scelse volontariamente di esiliarsi dal mondo all’età di venticinque anni, rinchiudendosi nella propria camera per perseguire uno stato di crescita spirituale, ricongiungendosi al suo io più profondo dove l’unica relazione fu quella con la poesia. Rappresentativi risultano alcuni suoi versi per cogliere appieno il concetto:

Ciascuno il suo difficile ideale
Deve raggiungere da sé
Con l’eroismo solitario
Di una vita silente

Quando Emily Dickinson era ancora in vita furono pubblicate solo sette delle sue poesie, mentre il successo giunse postumo quando dal 1890 si diffusero le sue raccolte poetiche.

Nelle poesie vengono esaltati i temi dell’amore, della natura e della morte.I suo versi parlano della fugacità della vita mortale. Tale senso di finito non si tramuta tuttavia in sofferenza grazie alla speranza nell’immortalità che farà ricongiungere i cari e gli affetti più profondi. I suoi componimenti, brevi e privi di punteggiatura, rima e metrica, fanno della sua produzione un esempio di lirica espressiva moderna e trasgressiva.

Morì nel 1886 all’età di 56 anni e per sua volontà il corteo funebre passò per i campi da lei tanto amati.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA




Shares

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi * sono obbligatori

Shares