Carnevale in giallo di Costa, Giménez Bartlett, Malvaldi, Manzini, Recami: festeggiamenti e delitti raccontati da grandi giallisti.

carnevale-in-giallo-costa-giménez-barlett-malvaldi-manzini-recami-copertina

Carnevale in giallo è l’ultima raccolta a tema proposta da Sellerio a gennaio 2014. La nota casa editrice, infatti, da un po’ di tempo ha deciso di chiamare a raccolta i più importanti giallisti del momento (italiani e non) per comporre dei racconti ispirati alle varie festività. Dopo pubblicazioni come Regalo di Natale, Capodanno in giallo o Ferragosto in giallo, eccoci, quindi, alle prese col Carnevale raccontato da autori di grande calibro: Gian Mauro Costa, Alicia Giménez-Bartlett, Marco Malvaldi, Antonio Manzini e Francesco Recami.

La Bartlett, in Carnevale diabolico, ci propone una storia che vede come protagonista la sua Petra Delicado, una donna sempre all’altezza della situazione, che insieme a Garzón deve risolvere il caso dell’omicidio di un uomo che non si sa chi sia. Il cadavere viene trovato vestito da diavolo, bagnato di sangue, durante i festeggiamenti gay del carnevale di Barcellona e, grazie al suo intuito, Petra ricostruirà tutta la vicenda. Il racconto è davvero bello, in alcuni punti divertente e mai banale; la Bartlett non si smentisce.

Recami, in Festa di Carnevale nella casa di ringhiera o «El bombo atomico», presenta i suoi personaggi del condominio di ringhiera affaccendati nei festeggiamenti. Tutti mascherati vanno a divertirsi e si trovano, come sempre, coinvolti in qualche pasticcio. Angela e il Consonni, alla festa di una casa di riposo in cui lei fa volontariato, sono alle prese con il furto di un collier “preziosissimo” di una signora un po’ stravagante, Enrico si dà alla pazza gioia insieme ai bambini peruviani e tutti gli altri vanno in confusione. Anche questo racconto è carino, ma personalmente credo che l’idea della casa di ringhiera non sia sviluppata al meglio.

Costa, in Mastro di campo, racconta di una festa di paese a cui l’elettricista/detective Enzo Baiamonte partecipa, in provincia di Palermo. Durante i festeggiamenti viene messa in scena una sorta di spettacolino in cui gli abitanti del paese recitano un ruolo, ma stavolta ci esce il morto. Baiamonte, tra una mangiata e l’altra all’agriturismo di un conoscente, risolve il caso e finalmente torna a casa dalla sua fdanzata Rosa. Caratteristico per chi conosce le zone del palermitano, Mastro di campo è un racconto divertente e per nulla pesante.

La ruzzica de li porci è un racconto che fa venir voglia di conoscere meglio Antonio Manzini come autore, se ancora non lo si conosce. Il vicequestore Rocco Schiavone a Carnevale non si diverte per niente, anzi deve lavorare ad un caso di omicidio. È stato ritrovato il cadavere di un uomo che non si sa neanche chi sia e bisogna cercare di capirci qualcosa. Il protagonista riuscirà a risolvere la questione ma… si ritroverà ad una festa mascherata in stile Eyes wide shut! Il modo di raccontare di Antonio Manzini conquista, e il suo Rocco Schiavone, poliziotto fuori dagli schemi, è davvero un gran bel personaggio.

Infine, Costumi di tutto il mondo di Malvaldi è, forse, il più divertente della raccolta. I vecchietti del Barlume si trovano seduti al bar con Massimo a raccontare alla commissaria Alice Martelli un fatto avvenuto tanti anni prima, quando per una festa di Carnevale i vigili chiedevano denaro ai bancarellai in cambio dei permessi. Massimo all’epoca era solo un bambino ma partecipò allo scherzo che suo nonno e i tre amici idearono per punire chi aveva commesso reato guadagnandoci tanti dolciumi e un gran mal di pancia. Narrato col divertentissimo stile di Malvaldi, il racconto è riuscitissimo.

Avendo come tema il Carnevale, alcuni autori si sono concentrati più sul festeggiamento, altri, come Malvaldi, anche sugli scherzi. Personalmente credo che da un singolo racconto non si possa avere un’opinione definita di un autore, però sicuramente si possono ricevere dei bei consigli di lettura, soprattutto per un genere non tanto semplice come il giallo. Se sei un lettore attento, anche da poche pagine, puoi capire se un personaggio è ben delineato, se la storia è raccontata bene o se la trama è sviluppata al meglio. Quindi, Carnevale in giallo è assolutamente da leggere, come strumento di relax e ispirazione per le prossime letture!

VOTO: 8

SCHEDA LIBRO:

AUTORE: Costa, Giménez Bartlett, Malvaldi, Manzini, Recami
TITOLO: Carnevale in giallo
EDITORE:  Sellerio – Collana La memoria
PAGINE: 235
EURO: 13,00
ISBN: 978-88-389-3139-9
Formato Kindle: Carnevale in giallo (La memoria)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Shares

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi * sono obbligatori

Shares