Una doppia visione di Per dieci minuti, l’ultimo romanzo di Chiara Gamberale.

Si sa che i lettori hanno idee molto diverse tra loro. Capita di sentire ottimi pareri su romanzi che poi leggi e che tu non riesci a finire o che ti annoiano e rallentano le giornate; capita di parlare con amici lettori e discutere animatamente per “colpa” di pareri completamente opposti sullo stesso libro.

Ecco allora che due autrici di leggeremania, Luana Scanu ed Eleonora Usai,  hanno letto un romanzo nello stesso momento, casualmente, e si sono ritrovate a parlarne scoprendo di avere una visione leggermente diversa. Il loro pensiero su Per dieci minuti, ultimo romanzo di Chiara Gamberale, non le divide nettamente ma le aiuta a conoscere nuove sfumature sulla lettura, pensieri che non avevano valutato nè scoperto.

La chiacchierata di Eleonora e Luana ha fatto nascere questa recensione per una doppia visione di Per dieci minuti di Chiara Gamberale.

per-dieci-minuti-chiara-gamberale-copertina-libroChiara ha sempre vissuto la sua vita come ombra del marito. Fin da piccoli insieme, quando lui la lascia con una telefonata durante un viaggio di lavoro, si rende conto di non riuscire a vivere senza di lui. Chiara non si capacita della rottura, si sente priva del marito ma anche di se stessa: si sente persa. Si trova in una casa e in una città sconosciuta, rimpiange la sua famiglia e il suo mondo. Come se tutta questa sofferenza non bastasse perde anche il lavoro che ama: scrivere in una rubrica. La sua vita, ad un certo punto, sembra non avere più un senso. Da sola, Chiara non esiste. Non sa badare a se stessa, era suo marito che si occupava di lei.

Un giorno si rende conto di essere una sopravvissuta: a pezzi ma viva. Ma la sua vita non c’è più. La sua psicanalista le propone, allora, un gioco: per dieci minuti al giorno dovrà fare una cosa che non ha mai fatto. Chiara, scettica, accetta e sarcasticamente commenta: «Alla fine che cosa si vince? Riavrò la mia vita indietro?.»
Chiara ancora non sa che vincerà qualcosa di molto più importante: una nuova vita.

In ogni capitolo di questo ultimo romanzo di Chiara Gamberale scopriremo i dieci minuti giornalieri di Chiara, con piccole storie di vita, a volte semplici come mettere uno smalto colorato alle unghie e delle altre più profonde, come riscoprire il piacere per il Natale. Questi dieci minuti saranno la scoperta di cose nuove ma anche di una nuova personalità: la vera sé. Infatti, Chiara ha sempre vissuto un “noi”: suo marito si occupava di lei da tanti anni, talmente tanti che, quando si ritroverà da sola, soffrirà non solo per la perdita del suo amore ma anche per l’incapacità di prendersi cura di sé.  Chiara ora deve quindi imparare a vivere la sua vita da sola.

In questo romanzo si passa, grazie al gioco dei dieci minuti, dal “noi” all’ “io”. E solo dopo aver finalmente sperimentato l’io Chiara riesce a pensare di nuovo al noi. Grazie a tutte le nuove esperienze, agli esperimenti provati potrà finalmente dire un grande no e un grande sì: con se stessa scopre anche gli altri.

Anche lo stile narrativo dell’autrice rispecchia in toto i suoi sentimenti: una scrittura nervosa, concitata, ansiosa iniziale, lascia il passo, nel momento in cui Chiara inizia a ricostruirsi, a una narrazione calma, consapevole e tranquilla. Le frasi sono brevi, i testi semplici, ma il testo troppo veloce non permette al lettore di sentirsi parte del romanzo, con un’idea propria di lettore. Il rischio è che alla fine il libro non emozioni il lettore. Non si ha il tempo di entrare nell’anima dei personaggi né di vivere in prima persona il dolore e il trauma dell’abbandono di Chiara, lasciata al telefono dal marito. Il tutto porta a ritrovarsi con un testo che sembra scritto a pezzi, in periodi di vita anche diversi. Come se l’autrice, dovendo scrivere un romanzo in un preciso periodo di tempo, avesse preso dal cassetto i suoi scritti e li avesse riordinati secondo l’idea dei dieci minuti.

Che volesse, attraverso questa tecnica narrativa, far capire il caos presente nella vita di Chiara? Per scoprirlo, dovremmo intervistarla!

SCHEDA LIBRO:

AUTORE: Chiara Gamberale
TITOLO: Per dieci minuti
EDITORE: Feltrinelli
PAGINE: 187
EURO: 16,00
ISBN: 978-8807030710
Formato Kindle: Per dieci minuti (I narratori)

NOTA SULL’AUTRICE:

chiara-gamberaleChiara Gamberale, giovane romana nata nel 1977 è scrittrice, collaboratrice di La Stampa, Il Riformista e Vanity Fair, conduttrice radiofonica e conduttrice televisiva italiana. Nel 1996 vince il premio di giovane critica Grinzane Cavour promosso da La Repubblica e nel 2008 riceve il Premio Campiello per il libro La zona cieca. Tra i suoi romanzi ricordiamo Le luci nelle case degli altri, L’amore quando c’era e Quattri etti d’amore grazie. Per dieci minuti è il suo ultimo romanzo.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Shares

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi * sono obbligatori

Shares