After dark di Haruki Murakami è un romanzo ricco di spunti  sui problemi interiori e sulla forza del cambiamento.

Inizio a parlare di questo libro con una delle frasi tratte dalla recensione di un suo romanzo, che mi ha spinto a leggere Norwegian Wood:

“La costruzione della scrittura di Murakami è così impalpabile e squisita che ogni cosa egli scelga di descrivere vibra di potenzialità simbolica:  una camicia stesa ad asciugare, dei ritagli di carta, un fermaglio a forma di farfalla”.
(The Guardian)

Norwegian Wood mi ha fatto amare Murakami perché tra le altre cose riesce a far risaltare le storie e i destini dei personaggi con il suo stile semplice e asciutto. E così è stato anche per il romanzo After dark.

after-dark-haruki-murakami-copertina-libroLa trama racconta di una notte a Tokyo, i personaggi principali si ritrovano in destini che si intrecciano: Mari, il personaggio principale, incontra Takahashi, studente che suona il trombone  e ama il pezzo “Five spot After dark”;  Kaoru è un’empatica manager di un albergo a ore e GuoDonri una prostituta cinese che viene maltrattata da un esperto informatico dalla doppia vita.

Ogni capitolo del romanzo viene scandito da un orologio. Nello sfondo la presenza inquietante: una silhouette di un uomo dentro uno schermo spento, un personaggio onirico che rappresenta il baratro e la distanza dalla vita.

Mari  ha 19 anni, poche certezze nella vita e molte domande. Ha una sorella di nome Eri che non riesce a svegliarsi da un sonno causato da farmaci e pensieri e tutta la trama è incentrata sulla notte come fonte di riposo o di ricerca interiore.
In questo contesto, per far passare una notte senza sonno, Mari si ritroverà a leggere in un bar  e verrà poi coinvolta dagli sproloqui di Takahashi, che risulterà una persona onesta e retta e troverà empatia con una prostituta cinese conosciuta in un albergo a ore gestito da Kaoru.
Mari si troverà di fronte ad una scelta: non chiudersi in se stessa ma lasciarsi andare verso la strada dei sentimenti, come unica via di guarigione da una solitudine autoinflitta.

In tutti i romanzi di Murakami sembra di ascoltare una musica leggera e coinvolgente, che ti trascina in un testo sempre sospeso tra realtà e sogno.
Il romanzo After dark non si fa notare per i colpi di scena. Mantiene uno schema lineare scandito da un orologio e da una voce narrante  che simula un telespettatore dietro una telecamera invisibile.

Non lo consiglierei a quelli che si approcciano per la prima volta a  Murakami ma resta comunque un buonissimo libro  ricco di spunti  sui problemi interiori e sulla forza del cambiamento.

SCHEDA LIBRO:

AUTORE: Haruki Murakami
TITOLO: After Dark
EDITORE: Einaudi
PAGINE: 164
ISBN: 97 88 06 217006

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Shares

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi * sono obbligatori

Shares