L’amore che ti meriti di Daria Bignardi: un romanzo a tinte gialle ambientato tra Bologna e Ferrara, un libro di introspezione dei rapporti familiari e della comprensione del valore dell’amore e della felicità.

l'amore che ti meriti-daria-bignardiBisognerebbe andare oltre il nome e l’idea del personaggio di Daria Bignardi. Per quanto mi riguarda sfido chiunque a leggere il suo ultimo romanzo L’amore che ti meriti, così come L’acustica perfetta. Per me Daria Bignardi si conferma una delle scrittrici italiane del momento.

L’amore che ti meriti risulta essere il titolo perfetto per un romanzo a tinte gialle ambientato nei nostri giorni tra Bologna e Ferrara. Le protagoniste di questa storia sono Alma e Antonia. Alma è una donna di 51 anni sposata con Franco, e madre di una figlia di nome Antonia. È una professoressa, e i suoi trascorsi sono alquanto grigi e tempestosi; alcuni episodi della sua vita l’hanno resa una persona che:

… non sa cosa sia la leggerezza, non è una persona pesante, solo… intensa, concentrata, profonda.
Sempre senza tregua.

 

 

 

La sua vita è costellata da tragici eventi: in un anno perde il fratello e i genitori. Da lì in avanti Alma, grazie all’incontro con Franco, cercherà di affrontare la vita in una sorta di lotta contro i propri sensi di colpa.

Antonia, per tutti Toni, è una scrittrice di gialli pubblicati da una piccola casa editrice e ambientati nell’Emiliano. È sposata con un commissario di polizia di dieci anni più grande e aspettano un bambino, anzi una bambina, così piace pensare ad Antonia che fino alla nascita scommette sul sesso chiamandola Ada.

Aal-maa-Maa-ioo.
Da quando ho confessato a Toni quel che accadde trent’anni fa, sogno mia madre che ci chiama con la sua voce profonda, modulando la ripetizione musicale del “ma”. Almamaio è il suono della mia prima vita, quella felice.
Lo vidi, sillabai “Ma-io”, Maio fu per sempre: quando i giornali scrissero il suo vero nome pochi capirono che quel Marco era mio fratello.

Con queste parole di Alma si apre un racconto incentrato sul rapporto tra lei e Maio, suo fratello, di un anno più piccolo. Maio scompare una notte in modo misterioso e di lui non si avranno più notizie, e anche se viene dato per disperso Alma in cuor suo sente che è ancora vivo.

È solo un gioco quando propone al fratello di provare l’eroina. Ma mentre lei passa indenne attraverso il veleno, Maio ne resta segnato. A quel punto il loro rapporto, molto forte, si dissalda e Alma si sente tradita dal fratello, si sente colpevole di aver dato inizio a quello che per lei era veramente solo un gioco.

In una serie di tragici eventi perderà tutto arrancando, attraverso una deriva “autolesionista”, fino all’incontro con Franco, professore vent’anni più grande, colto e razionale.

Alla rivelazione del segreto della madre, Antonia deciderà di agire: inizierà le sue indagini trasferendosi a Ferrara e partendo dai nonni fino ad arrivare a Maio.

Con l’aiuto di vari personaggi, Luigi D’avalos, poliziotto bello colto e accomodante, Lia Cantoni, schietta vicina di casa dei nonni, Michela, amore giovanile di Maio, e grazie anche ai molti colpi di scena, che terranno il lettore attaccato alle pagine del libro, che si avrà quella sana curiosità di scoprire come sono andate veramente le cose in questa famiglia.

Di lì a poco sarebbe arrivata Michela, cotta dal sole e lucida di crema, e saremmo andati a bere una birra dal Mago. Quella sera il tramonto non finiva mai. Avevo diciassette anni, non lo sapevo che eravamo felici.

L’amore che ti meriti si dimostra nella sua semplicità espositiva, ma allo stesso tempo profonda; è un ottimo libro di introspezione dei rapporti familiari e della comprensione del valore dell’amore e della felicità.

VOTO: 8

SCHEDA LIBRO:

AUTRICE: Daria Bignardi
TITOLO: L’amore che ti meriti
EDITORE: Mondadori
PAGINE: 247
ISBN: 9788804634799

NdR: in copertina, H.C. Bresson, Dans un train, 1975

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Shares

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi * sono obbligatori

Shares