Ci sono degli autori che riescono a dare un certo “qualcosa in più” rispetto a molti altri. Che si tratti di una questione di tempistiche narrative, o di un certo modo di utilizzare il linguaggio, o della singola bravura nel saper descrivere l’interiorità emotiva dei personaggi… insomma, quale che sia il punto di forza che permetta l’avvicinamento dell’autore nei confronti del lettore non è dato saperlo.

copertina del romanzo La stella del diavoloTra gli autori in grado di raggiungere il lettore, di toccarlo da vicino e di penetrare nella sua mente per fargli vivere attraverso i propri occhi una storia, vi è senza dubbio Jo Nesbø, uno dei nomi di punta nella letteratura thriller degli ultimi vent’anni.

È già da un bel po’ di tempo che gli scrittori nordici si stanno facendo notare dall’opinione pubblica mondiale per una lunga serie di romanzi thriller di grande valore, al punto da contribuire alla nascita di un vero e proprio sottogenere nordico.

Il romanzo che trattiamo oggi, scritto per l’appunto da Jo Nesbø, e pubblicato nel 2003, rappresenta in assoluto una delle migliori opere di questo nuovo e valido filone nel palcoscenico della suspense.
Fin dal titolo veniamo in qualche modo avvisati della pericolosità dell’opera in sé, visto che La stella del diavolo tutto può essere tranne che uno di quei romanzi thriller “innocui” che non lasciano nulla al lettore se non puro svago.

No, questa volta scordatevi lo svago e il divertimento: il romanzo di Nesbø è una vera e propria bomba a orologeria che mette a soqquadro lo stato emotivo; grazie a uno stile semplice e diretto, il lettore si potrà immedesimare nel disperato protagonista dell’intera vicenda, il commissario di Oslo Harry Hole (protagonista di una serie di romanzi di cui La stella del diavolo rappresenta la quinta puntata).

Appare evidente come Nesbø si sia ispirato al noir classico degli anni Quaranta per la costruzione del suo personaggio, un classico antieroe distrutto dalla vita e in preda a una disperazione che ne deturpa ogni rapporto, sia professionale che privato.

Nonostante le difficoltà personali e i problemi con l’alcol, il commissario Hole sarà costretto suo malgrado a occuparsi di un caso estremamente complesso e spaventoso, una serie di omicidi di cui appare impossibile trovare una soluzione se non osservando per bene gli indizi e trovando un significato al delirante progetto di una mente malata.

A parte la figura del protagonista, bisogna dire che Nesbø è riuscito a rendere interessanti e completi anche gli altri personaggi, a cominciare da quel Tom Waaler che sembra in apparenza l’antitesi stessa di Hole.

Probabilmente non ci troviamo dinanzi a un capolavoro letterario, ma La stella del diavolo rappresenta senza ombra di dubbio un thriller che funziona in maniera egregia, anche se sono state mosse alcune critiche a questo romanzo a causa di un finale, a detta di qualcuno, poco originale.

Il punto è che con ogni probabilità all’autore non interessava affatto puntare sull’originalità con questo libro. Lo scopo di Nesbø è stato quello di far entrare il lettore all’interno di un poliziesco noir classico, con un serial killer che agisce in nome di un suo oscuro disegno e con una serie di personaggi, su cui spicca l’antieroe Harry Hole, intenti a raccogliere le tracce per fermarlo.

Puro (per modo di dire) e semplice, senza andare allo sbaraglio nella ricerca di improbabili soluzioni a sorpresa. Nesbø ci presenta un thriller classico che fa soprattutto del pregevole lavoro basato sulle atmosfere il suo punto di forza: la storia è infatti ambientata in una Oslo stranamente alle prese con un’estate molto calda, un calore che fa da contraltare alla freddezza interiore dei protagonisti terrorizzati nell’aprire sé stessi all’altro, intimoriti dalla possibilità che il mostro possa nascondersi dietro un volto amico.

Una serie di personaggi resi ruvidi, freddi e distaccati da una vita quotidiana avara di reali emozioni positive e da un lavoro che li pone spesso dinanzi a situazioni aberranti.

Questo è il romanzo di Jo Nesbø, un thriller da leggere tutto d’un fiato e che, se da un parte potrebbe non colpirvi per l’originalità, dall’altra vi lascerà di stucco per la capacità dello scrittore norvegese di farci sentire parti integranti di un sanguinario incubo.

SCHEDA LIBRO:

AUTORE: Jo Nesbø
TITOLO: La stella del diavolo
EDITORE: Einaudi
PAGINE: 512
ISBN: 9788806228750

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Shares

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi * sono obbligatori

Shares