Il primo inganno di Riccardo Landini: Brenno Sandrelli, perito assicurativo e detective a tempo perso, incappa in una banda di stupratori assassini, ma la sua voglia di ficcare il naso dove non dovrebbe gli porterà un sacco di guai.

il primo inganno-riccardo landini

Riccardo Landini in un romanzo appassionante e autoironico inaugura la trilogia dell’Inganno introducendo un nuovo intrigante personaggio destinato a fare breccia nei lettori italiani di noir.

Brenno Sandrelli è un perito assicurativo e un detective per necessità, una volta terminato l’orario di lavoro riceve i clienti per indagini private di piccolo conto, tradimenti o pedinamenti di figli ribelli. Appostato su un tetto per fotografare la moglie di un cliente in flagrante adulterio, gli capita di vedere nella finestra del palazzo di fronte due balordi che violentano una ragazzina in lacrime. È un attimo. Le finestre si chiudono e quello che ha visto diventa un’immagine sfocata nella memoria.

Scioccato da quella visione cerca di raccontare quanto accaduto prima alla moglie e poi a un amico poliziotto, ma nessuno sembra volergli credere. Proprio quando decide di dimenticare l’accaduto, leggendo un giornale scopre della scomparsa di una ragazzina del luogo e decide di indagare sulla faccenda. Quando però si rivolge agli inquirenti per raccontare i suoi sospetti  sembra scontrarsi contro un muro di gomma.

Sia il commissario che il magistrato, infatti, non solo non prendono in considerazione le sue osservazioni, ma lo accusano di svariati reati. Nel frattempo la sua vita coniugale va a rotoli, così come il vecchio casolare in campagna dove ha deciso di vivere ma che non finisce mai di ristrutturare strangolato dal mutuo e dai debiti. Per sfuggire dallo stress della vita quotidiana, Brenno decide di tuffarsi in prima persona nelle indagini sulla presunta banda di pedofili e finisce per cacciarsi in guai molto grossi, minacciato e inseguito da sicari pronti a ucciderlo. La vicenda si fa man mano più torbida e pericolosa fino all’epilogo violento che sembra conclusivo… sembra, appunto, perché qui comincia l’inganno svelando un retroscena fino ad allora difficilmente immaginabile e non solo.

Il finale infatti mescola ancora le carte con uno sconvolgimento degli eventi che porta all’inganno definitivo.

Riccardo Landini cattura l’attenzione con un noir coinvolgente e dai colpi di scena inaspettati. Il primo inganno sembra suggerirci come e perché le apparenze ingannino e come le certezze siano destinate, pagina dopo pagina, a crollare come castelli di sabbia. Così come precipita a poco a poco il mondo di Brenno Sandrelli. Un protagonista inusuale, carico di umanità e simpatia, destinato a scontrarsi con una realtà tremenda che gli imporrà di compiere scelte estreme.

Il primo inganno è un romanzo circolare, dove ogni indizio, ogni particolare contribuisce a formare il quadro d’insieme e dove la tensione si taglia con il coltello, quello stesso che sarà protagonista di molte scene che toglieranno il respiro al lettore. La struttura della narrazione, con l’utilizzo di poche pause per spezzare il ritmo incessante degli eventi, è ben studiata dall’autore per rendere il noir avvincente e mantenere alta la suspense fino all’ultima pagina.

I personaggi sono descritti negli aspetti essenziali e il linguaggio è netto, realistico e duro, come si addice alla storia descritta. I dialoghi sono gradevoli, soprattutto per il ricorso all’autoironia, molto spesso un elemento sottovalutato e che invece rende i personaggi molto più credibili, favorendo l’effetto di immedesimazione del lettore.

Tutto questo per un libro molto scorrevole da leggere e dall’intreccio abbastanza sofisticato tale da poter soddisfare anche i lettori che amano il  giallo più classico. Insomma, quello di Riccardo Landini, di professione avvocato e anche scrittore, è un nome che va tenuto d’occhio, non solo per i numerosi riconoscimenti collezionati nel corso degli ultimi anni (tra cui Giallo Stresa e Giallo&Noir) ma anche per la capacità di inventare un nuovo e originale personaggio lontano anni luce dallo stereotipo del solito commissario.

Una lettura da consigliare agli amanti del noir e non solo.

SCHEDA LIBRO: 

AUTORE: Riccardo Landini
TITOLO: Il primo inganno
EDITORE: Edizioni CentoAutori – Collana: L’arcobaleno
PAGINE: 232
ISBN: 978-88-68720-57-5

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Shares

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi * sono obbligatori

Shares