Recensione di Non è la fine del mondo, l’ultimo romanzo firmato da Alessia Gazzola, ideatrice delle avventure di Alice Allevi.

non è la fine del mondo-gazzola

Questo libro mi ha stregata.
Fantastico, gli darei dieci stelline se fossero come i voti a scuola, ma sono solo cinque e quindi ne assegno tali.
Non pensavo potesse prendermi tanto e invece mi sbagliavo.

Ho acquistato Non è la fine del mondo a occhi chiusi, avevo già letto un libro di questa autrice e il suo modo di scrivere mi aveva intrigata, così quando ho visto che era un’altra sua opera mi ci sono buttata a capofitto e sì, ho fatto una cosa giusta.

Farcito di perle di saggezza e solenni verità, questa storia ti dimostra che solo buttandoti (no, non intendo sotto un treno, intendo metaforicamente) riesci a capire cosa hai guadagnato e, perché no, cosa hai lasciato indietro.

Sta a te capire se hai perso o se hai vinto

Lei, la protagonista ha vinto, e ha vinto di brutto, cosa lo lascio scoprire a voi.

Lo leggerai tutto d’un fiato, immerso/a tra artigianato e modernità ti renderai conto di quanto il tuo essere abbia la meglio su tutto, sempre.
Vivi d’istinto e fidati, prima di tutto di te stesso/a e poi fermati e stai a vedere.
Confrontarsi con persone completamente diverse da noi, oserei dire opposte, può aiutarci a crescere, e sì, crescere bene.

Lei è diventata grande facendo la stagista e una volta grande ha spiccato il volo. Leggendolo penserai: “Si vabbè la classica storiella di lui, lei, l’altro”, e invece no. L’amore, la riconoscenza e la gratitudine si miscelano dando vita a una storia incredibile, una ricetta fantastica con le dosi perfette, dove non è possibile cambiare gli ingredienti perché il risultato non sarebbe lo stesso.

Affezionarti ai personaggi di Non è la fine del mondo non sarà per nulla difficile, rendersi conto che il filo conduttore della storia è anche la speranza lo noti sin dalle prime pagine.

Ciò che si conquista con tenacia e fatica acquisisce strada facendo più valore, ecco perché la protagonista faticherà, e non poco, a slegarsi da ciò che riesce a conquistare.

Lo consiglio perché a volte nella vita abbiamo bisogno di esempi che ci stimolino a notare che, sì, quella storia che “chiudendo una porta può aprirsi un portone” è vera, sta a noi saper cogliere l’occasione.

Nella storia raccontata da Alessia Gazzola c’è il coraggio di fare una scelta quando tutti ti dicono di no, di non rischiare, ma tu no, non puoi andare avanti così, e poi c’è lei, l’eterno confronto con la sorella brava e sistemata, ma no, non è tutto oro quello che luccica.

Non è la fine del mondo: il coraggio come filo conduttore della storia

Il coraggio, credo che il filo conduttore finale del libro sia proprio questo. Imparare ad avere coraggio è il pensiero che ha allietato le ore successive alla chiusura del libro di Alessia Gazzola, perché è così che funziona, quando finisci un libro che ti lascia un segno, resti inebetita con un sorriso stampato in faccia e dentro di te rifletti.

Pensi: “E se ci fossi stata io a quel tavolino seduta con lui e il suo cappello stravagante? Come avrei reagito a un suo ennesimo no? E se quel giorno non avessi portato a spasso il cane in pausa pranzo, sarei qui ora?”.

Assolutamente da leggere!

SCHEDA LIBRO:

AUTORE: Alessia Gazzola
TITOLO: Non è la fine del mond
EDITORE: Feltrinelli
PAGINE: 224
ISBN: 978-88-07031-88-5

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Shares

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi * sono obbligatori

Shares