Andanza

di Sarah Manguso

Andanza è ritmo, parole che ballano insieme in un diario che racconta di delusioni, rimpianti e passione per la scrittura. A scriverlo è Sarah Manguso, scrittrice americana con alle spalle poesie, racconti, memories e saggi.

Il diario di Sarah le tiene compagnia in diversi momenti della sua vita. Per 25 anni raccoglie le sue parole e se le capita di rileggere ciò che ha scritto in un anno intero, prende i fogli, strappa tutto e ricomincia un nuovo percorso di scrittura.
Scrive per non dimenticare, perché ha paura che senza parole la sua vita le sfugga di mano.

Questo diario di Sarah Manguso è una danza di parole ed emozioni, che rincorre il tempo, lo acciuffa per un pelo e se lo tiene stretto per non dimenticare. È un percorso veloce per chi legge, ma anche molto lento dopo che si termina la lettura, perché lascia sospesi a riflettere sulla vita e il tempo che passa.

Tradotto da Gioia Guerzoni ed edito da NN Editore, il titolo originale del breviario è Ongoingness ed è stato tradotto con Andanza, che sta per “la danza dell’andare avanti”.

leggi la recensione

AUTORE: Sarah Manguso

TITOLO: Andanza – Fine di un diario

EDITORE: NN Editore

PAGINE: 114

ISBN: 978-8899253646

Alcune delle citazioni più belle del diario:

“Scrivevo per poter dire che stavo prestando davvero attenzione. […] Con il diario mi difendevo dalla paura di svegliarmi alla fine della vita accorgendomi che mi era sfuggita.”

“Scrivevo di alcuni istanti, ma non del tempo in cui erano immersi – ce n’era così tanto! Così tanto nulla apparente che io ignoravo, e che trattavo come tempo vuoto tra momenti memorabili.”

“Non riuscivo a smettere di scrivere. Non riuscivo a pensare a nessun altro modo per evitare di perdermi nel tempo.”

“Avrei voluto annotare ogni istante, ma il tempo non è fatto di istanti, li contiene. E nel tempo c’è molto altro.”

“Ricorda le lezioni del passato. Immagina le possibilità del futuro. E resta nel presente, l’unica porzione di tempo che non richiede uso della memoria.”