Se non ti vedo non esisti di Levante: un grande atto di generosità per chi sperimenta lo stesso dolore, per chi ancora lo ignora e per chi vuole davvero tirarlo fuori.

Se non ti vedo non esisti

Si può impacchettare il proprio dolore e racchiuderlo in 261 pagine? Non lo metterei nella top ten delle cose più facili, ma lei ce l’ha fatta. Si chiama Claudia Lagona, in arte Levante, è una cantautrice di origini siciliane che vive a Torino, e questo è il suo primo romanzo: Se non ti vedo non esisti. La sua è una voce cristallina, i testi delle sue canzoni sinceri e immediati. E così è anche il suo libro: una canzone un po’ più lunga e il frutto di un’anima bella come poche.

Un accenno alla trama…

La storia racconta di una certa Anita Becci: giovane, intelligente, bella e con un buon lavoro. Vive a Roma, è redattrice per una rivista di moda ed è sposata con un uomo apparentemente perfetto. La sua vita, però, è inspiegabilmente scandita da mille inquietudini e da un vortice di pensieri che, incespicando, ci vengono confessati in prima persona; una vita segnata dalla presenza di tre figure maschili – Jacopo, Filippo, Flavio – e dall’assenza di un’altra: il padre, scomparso quando la protagonista aveva solo nove anni. Anita è una donna irrequieta e alla costante ricerca del benessere attraverso l’amore; una ricerca che la porta a infilarsi in una serie di relazioni extra-coniugali intense e tormentate che non riusciranno ad alleggerirla, bensì solo a trascinarla in una burrasca in mezzo alla quale non saprà più barcamenarsi. Il malessere di Anita, però, non deriva dalla mancanza di amore inteso come relazione tra due individui, deriva dalla mancanza d’amore verso se stessa e da un fardello che si porta dietro e dentro da troppo: la morte del padre. Per questo – in un modo o nell’altro – paga sempre il conto. E come farà i conti col proprio passato?

Che cosa si racconta tra le pagine del libro

Se non ti vedo non esisti è la storia di un grandissimo dolore, di una solitudine, di un lutto mai elaborato fino in fondo e, per questo, sempre presente, seppur costantemente ricacciato in un angolo o chiuso a chiave dentro a un armadio. Se non ti vedo non esisti è la filastrocca che la protagonista si ripete fin da quando era bambina, quando ha imparato a ignorare il dolore spingendolo giù, “facendo forza con gli addominali fino al punto più profondo della terra” per non piangere, per non soffrire.
È una bugia pericolosissima tramite la quale, spesso, pensiamo di poter ingannare i mostri che ci portiamo appresso, di poterli fare scomparire come per magia. I mostri, però, ritornano e lo fanno a intermittenza, ogni giorno e a piccole dosi, impedendo la vita, quella vera; ritornano lenti, come un veleno, e paralizzano braccia e gambe fino a intrappolarci in una matassa in cui bisogna inventarsi qualsiasi cosa pur di non fermarsi a pensare. Così si dà il via a un circolo vizioso in cui si rischia di perdersi dentro a una serie di sensazioni posticce, dietro un lavoro o una persona, di oscurarsi e di anestetizzarsi; di perdersi dietro l’idea dell’amore come la soluzione a tutti i problemi; di trasformare pietre in diamanti, di regalarsi a sconosciuti perdendo ogni volta pezzetti sempre più consistenti di sé; di ferire le persone, quelle veramente importanti, e di perderle per sempre. Ma non si può vivere a lungo di luce riflessa. E, alla fine, non si può far altro che spegnerle tutte quelle luci artificiali, rannicchiarsi al buio e fare i conti con se stessi. Aprire quell’armadio e fare pace col proprio passato.

Un romanzo che coglie nel segno

Con un linguaggio semplice e immediato in cui non c’è una parola che non sia autentica, quello di Levante è un romanzo auto-fittivo e senza troppe pretese che coglie nel segno. Ero parecchio scettica all’inizio, pensavo alla solita trovata editoriale e a un romanzetto sentimentale per ragazzini e ragazzine in preda a sbandate adolescenziali. Mi sbagliavo. Non è un romanzo d’amore, non nel senso tradizionale del termine almeno. È una storia che aveva bisogno di venire alla luce per tirare fuori un dolore o, semplicemente, per raccontarlo dopo averlo finalmente affrontato. Ed è per questo che funziona, perché è vero: l’amore sta tutto qui ed è tantissimo. Se non ti vedo non esisti è un grande atto di generosità per chi sperimenta lo stesso dolore, per chi ancora lo ignora e per chi vuole davvero tirarlo fuori. Un romanzo come una canzone che, tra le righe, travestito di rosa e di leggerezza, sussurra: “Abbi cura di te”.

SCHEDA LIBRO:

AUTORE: Levante
TITOLO: Se non ti vedo non esisti 
EDITORE: Rizzoli
PAGINE: 261
ISBN: 978-88-17092-95-1

©RIPRODUZIONE RISERVATA



Shares

4 Commenti

  • Alice Pubblicato 4 marzo 2017 16:29

    Ciao, vorrei farti una domanda (SPOILER PER CHI NON È ARRIVATO ALLA FINE! )
    Secondo te la “F puntata” della fine è Flavio? Rimane questo dubbio….

    • Antonietta Bivona Pubblicato 19 ottobre 2017 11:19

      Ciao! Ho avuto anche io lo stesso dubbio, potrebbe essere 🙂

  • Silvana Pubblicato 13 aprile 2017 19:40

    Brava, brava, Bravissima

    • Antonietta Bivona Pubblicato 19 ottobre 2017 11:16

      Grazie mille! 🙂

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi * sono obbligatori

Shares