Paul Auster, ricordiamo lo scrittore recentemente scomparso col suo più grande capolavoro: tutto su 4 3 2 1

Lo scorso 30 aprile è morto Paul Auster, lo scrittore americano maestro del romanzo postmoderno. Il suo capolavoro è 4 3 2 1.

Paul Auster, uno dei più importanti e celebrati scrittori americani contemporanei, è scomparso martedì 30 aprile 2024 all’età di 77 anni, stroncato da complicazioni dovute a un cancro ai polmoni con cui combatteva da tempo. Nato a Newark, nel New Jersey, nel 1947, Auster è considerato un pioniere della letteratura postmoderna, annoverato tra figure del calibro di Thomas Pynchon e Don DeLillo.

Morte Paul Auster
Paul Auster e il suo romanzo 4 3 2 1 (Foto Facebook Ufficiale Paul Auster) – Leggeremania.it

La sua fama esplode con la “Trilogia di New York”, composta da “Città di vetro” (1985), “Fantasmi” (1986) e “La stanza chiusa” (1987). Ambientata nella Grande Mela, la Trilogia conquista lettori di tutto il mondo e consolida la sua posizione di autore di riferimento. Nel corso della sua prolifica carriera ha pubblicato 34 libri, tra cui 18 romanzi, sceneggiature, memorie e biografie.

Morte di Paul Auster: tutto quello che c’è da sapere sul romanzo “4 3 2 1”

Tra i romanzi più noti di Auster ricordiamo “Moon Palace” (1989), “Leviatano” (1992), “Il libro delle illusioni” (2002) e “4 3 2 1” (2017), finalista al Booker Prize. Nel romanzo “4 3 2 1” ripercorre la vita del protagonista in quattro versioni parallele, tutte con un forte legame con la sua città natale, Newark.

Romanzo 4 3 2 1 di Paul Auster
4 3 2 1 di Paul Auster (Foto Facebook Ufficiale Paul Auster) –

“4 3 2 1” narra la storia di Archie Ferguson in quattro versioni alternative, ognuna delle quali segue una linea temporale diversa della sua vita. Attraverso queste narrazioni parallele, Auster esplora i temi del caso, del libero arbitrio e del destino, interrogandosi su come le scelte che facciamo, grandi e piccole, plasmino il corso della nostra esistenza.

Le quattro vite di Archie iniziano in modo simile: nasce e cresce a Newark, nel New Jersey, da genitori benestanti. Tuttavia, da questo punto in poi, le sue esperienze divergono notevolmente a causa di una serie di scelte cruciali. In una versione, Archie diventa un giocatore di baseball di successo; in un’altra, un brillante studioso di letteratura; in un’altra ancora, un musicista affermato. In ogni vita, Archie incontra persone diverse, affronta sfide diverse e ha esperienze diverse che lo formano come individuo.

Ciò che rende 4 3 2 1 un’opera così affascinante è il modo in cui Auster mostra come anche le scelte più piccole possano avere un impatto significativo sul corso della nostra vita. Attraverso le quattro vite di Archie, Auster ci invita a riflettere sul potere delle nostre scelte e sulla responsabilità che abbiamo nel plasmare il nostro destino.

Si tratta dunque di un romanzo complesso e commovente che ci invita a riflettere sul significato della vita, sul potere delle scelte e sul ruolo del caso e del destino. Auster ci offre una narrazione avvincente e ricca di spunti di riflessione, che ci lascia a interrogarci sulle infinite possibilità che la vita ci offre.

Impostazioni privacy